FacebookInstagram
“PRIMAVERA” in Fiera a Genova per presentare ai genovesi la sua IGP

logonew-ConsorzioFocaccia

GENOVA, 24 GENNAIO 2012
Conclusa l’istruttoria ministeriale,
tra due settimane via libera a certificazione in Italia
REGIONI, ALIMENTARE ,FOCACCIA DI RECCO
DA MINISTERO OK A DISCIPLINARE IGP
BURLANDO: PRIMO ,GRANDE RISULTATO PER IL TERRITORIO
GENOVA. Il Ministero delle Politiche Agricol ha approvato il “disciplinare” della  focaccia di Recco con il formaggio per potersi fregiare dell’Igp- Indicazione geografica protetta.
Concluse  le procedure di questa fase istruttoria , tra due settimane il carteggio focaccia di Recco con il formaggio approderà a Bruxelles per la definitiva certificazione dell’Unione Europea.
Dopo il via libera al “disciplinare” che ne regola ingredienti e produzione,  contestualmente all’invio  della procedura a  Bruxelles, la focaccia col formaggio di Recco potrà fregiarsi del riconoscimento Igp su tutto il territorio nazionale.
"La certificazione IGP per la focaccia di Recco, sia pure per ora limitata al territorio nazionale, è un riconoscimento anche dei nostri sforzi a sostegno dell'iniziativa", ha dichiarato il presidente della Regione Liguria Claudio Burlando.
"Ogni vittoria in difesa della valorizzazione del nostro territorio- ha aggiunto- è una conquista per tutti i liguri che, nella peculiarità dei propri prodotti, vedono non una semplice difesa dell'identità culturale ma un mezzo per farsi conoscere e apprezzare anche al di fuori della regione".
Burlando  ringrazio l'assessore Barbagallo, gli uffici regionali “e tutti coloro - soprattutto i recchesi - che con tenacia si sono adoperati per raggiungere questo risultato".
Con il divieto assoluto per ristoranti, trattorie, supermercati, negozi e bancarelle al di fuori della zona di produzione (Recco, Sori, Camogli e Avegno) di scrivere nei menu e offrire focacce con formaggio “tipo Recco”. Pena l’intervento dell’antifrode.
Se nei successivi 180 giorni dalla la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale Europea  non interverranno contenziosi da parte dei vari Paesi , la focaccia di Recco sarà tutelata a livello europeo. Nel frattempo, proprio per combattere ogni abuso, Camera di Commercio e Consorzio Focaccia di Recco con il formaggio vareranno i piano di controlli e di tutela della focaccia.
La Regione Liguria, in questi anni ha confermato il sostegno al riconoscimento Igp, ritenendola un obiettivo strategico alla politica di valorizzazione territoriale e produttiva della Liguria, in quanto, la filiera economica di riferimento, oltre che ad interessare tutti i possibili panificatori-ristoratori dei territori interessati produttori di focaccia, coinvolge e sostiene anche i trasformatori ed i produttori di latte ligure.
Lo stesso Consiglio Regionale, nei mesi scorsi, aveva approvato all’unanimità un ordine del giorno per chiedere alla giunta regionale di farsi interprete presso il Ministero delle Politiche Agricole di un sostegno incondizionato alla riconoscimento Igp per la Focaccia di Recco con il formaggio e al disciplinare ad esso collegato.GENOVA, 2 MARZO 2012

 

“PRIMAVERA” in Fiera a Genova

per presentare ai genovesi la sua IGP

da venerdì 23 marzo a domenica 1° aprile 2012

Pad S – stand 39 G galleria

 

 

Infatti il riconoscimento all’attività di promozione e tutela svolta dal Consorzio Focaccia di Recco, è culminato quest’anno con l’ottenimento sul territorio nazionale della certificazione IGP, con decreto del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali del 13 febbraio 2012 e pubblicato sulla G.U. del 1 marzo 2012, in attesa della definita registrazione da parte della Commissione Europea.  

“La Focaccia di Recco, è entrata nell’Olimpo della produzione agroalimentare europea, diventando uno dei duecentotrenta prodotti d’eccellenza che rappresentano l’Italia nel mondo” questa è stata la dichiarazione, che per i recchesi è suonata come un grande riconoscimento, del Ministero delle Politiche Agricole e Alimentari al termine dell’atto conclusivo, chiusosi con parere positivo, presso gli uffici ministeriali con i dirigenti della Regione Liguria il 18 gennaio u.s.

“La protezione Europea ci permette finalmente di difendere questo nostro patrimonio che ormai dovunque ci stavano “rubando”, correndo il rischio di perdere le sue vere origini e tradizioni. Abbiamo raggiunto un traguardo che ci riempie d’orgoglio perché rappresenta il riconoscimento alla serietà, alla professionalità ed alle capacità di tutti coloro che hanno portato a buon fine questo immenso lavoro. La Focaccia di Recco non aveva, e non ha, bisogno di guadagnare maggior fama o una più ampia fetta di mercato, aveva solo bisogno di veder riconosciuta la sua credibilità, la sua identità e il legame alla sua zona d’origine. L’IGP le ridà quella rispettabilità che le spetta difendendola dagli ormai troppi tentativi di imitazione” dichiarano al Consorzio.

RECCO è la città della FOCACCIA COL FORMAGGIO e con i Comuni limitrofi (Sori, Avegno e Camogli) ne delimita la zona di produzione inserita nel disciplinare I.G.P. redatto e approvato dal Consorzio Focaccia, costituitosi nel 2005, per ottenere l’ ambita certificazione europea.

La storia ci dice che la focaccia col formaggio ha radici antiche in queste località, una tradizione secolare in cui capacità ed abilità dei produttori aderenti al Consorzio hanno reso rinomato questo prodotto, indissolubilmente legato al territorio ed al proprio al nome, l’indicazione geografica protetta, RECCO. Affondando il progetto nella storia, ed applicando una moderna forma di marketing del territorio, si è ripreso ad utilizzare il latte ligure prodotto dagli allevatori locali per trasformarlo in “Formaggio Fresco L.L.T.” (acronimo di Latte Ligure Tracciato), non più quindi una generica crescenza da banco, ritornando così a disporre, come all’origine, di un formaggio appositamente prodotto per la focaccia di Recco IGP, un esclusivo valore aggiunto alla qualità del prodotto certificato.

Il Consorzio della focaccia di Recco porta a Primavera in Fiera a Genova
i suoi focacciai, la sua tradizione e il suo amore per questo prodotto
che tanto ha reso famosa nel mondo la città da cui ha preso il nome.

 


 

 

Il sito usa cookies per facilitare la navigazione.

Per conoscere i cookies usati da questo sito, vi invitiamo a leggere la privacy policy.

Accetto i cookies da questo sito.