Facebook

Nascita della delizia

Focaccia @ Decanter

2012 Bilancio positivo per il Consorzio PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Mercoledì 13 Febbraio 2013 20:01

frontesito5

 
Consueto bagno di folla per la Focaccia di Recco al Salone del Gusto di Torino 2012
NSUETO BAGNO DI FOLLA
per
LA FOCACCIA DI RECCO
Al
SALONE DEL GUSTO
Lingotto di Torino, Pad 1, Area Liguria: in scena
il consueto bagno di folla per la protagonista, la FOCACCIA DI RECCO.
Giornalisti, fotografi, televisioni, blogger e ogni altro tipo di media sono passati almeno una volta, molti anche
due, per il piacere di riprenderla e fotografarla ma soprattutto per assaporarsela, con grande piacere della
vista e del palato.
Ma soprattutto il pubblico l’ha gratificata in modo particolare venendola a cercare appositamente: quest’anno
il Consorzio recchese non era, come nel passato, nelle “Cucine di strada” ma nell’area “Liguria”, organizzata
da Regione Liguria e UnionCamere Liguri con Slow Food Liguria, un cambiamento che ha un po’ spiazzato
quegli affezionati che seguono la Focaccia di Recco nelle trasferte ai grandi eventi.
Fans che hanno però impiegato pochissimo a ritrovarla, protagonista, in “Liguria” al Pad 1, attirati quasi a
colpo sicuro dalla perenne e lunga coda dinanzi allo stand Focaccia di Recco.
Il Consorzio recchese ha avuto conferma di quanto aveva già avuto sentore: in modo del tutto autonomo, si
è costituito un vero movimento di fans che seguono gli spostamenti della Focaccia di Recco e si ritrovano,
persone che fino a ieri non si conoscevano, ripetutamente nelle varie trasferte instaurando un rapporto di
amicizia che nasce naturale, guidati da una passione in comune: la Focaccia di Recco.
Frequentatissimi i laboratori di presentazione del prodotto in programma tutti i pomeriggi nello spazio Incontri
dell’Area Liguria, applausi continui per le belle dimostrazioni dei rappresentanti del consorzio delle varie fasi
della preparazione e per il coinvolgimento del pubblico presente, che con largo anticipo, prendeva posto per
non perdersi i posti migliori.
Distribuiti migliaia di depliants con le belle fotografie dei quattro comuni e con l’elenco dei produttori di
Focaccia di Recco associati ed affiliati alla protezione transitoria IGP. Un’attività di promozione, quella del
Consorzio della Focaccia di Recco, che crea indotto sicuro verso i comuni interessati ed inseriti nella zona di
produzione IGP, Recco, Sori, Camogli e Avegno, che ne hanno beneficio subito in termini d’immagine e in
prospettiva anche commerciale.
Grandissima l’affluenza al Salone del Gusto, nonostante la crisi generale in atto Slow Food,
si è dimostrata di essere più forte della depressione internazionale in generale,
in grado di attirare masse di persone alle quali è stata offerta l'occasione
di uscire, distrarsi e divertirsi con esperienze enogastronomiche gratificanti,
prova che la voglia di riprendersi è in corso.
E la Focaccia di Recco, orgogliosa ancora una volta di esserci stata,
per la sua parte, ha contribuito al conseguimento di questo grande successo.

Logonew-ConsorzioFocacciaCONSUETO BAGNO DI FOLLA per LA FOCACCIA DI RECCO Al SALONE DEL GUSTO
Lingotto di Torino, Pad 1, Area Liguria:
in scenail consueto bagno di folla per la protagonista, la FOCACCIA DI RECCO.

Giornalisti, fotografi, televisioni, blogger e ogni altro tipo di media sono passati almeno una volta, molti anche due, per il piacere di riprenderla e fotografarla ma soprattutto per assaporarsela, con grande piacere della vista e del palato.

Ma soprattutto il pubblico l’ha gratificata in modo particolare venendola a cercare appositamente:

quest’anno il Consorzio recchese non era, come nel passato, nelle “Cucine di strada” ma nell’area “Liguria”, organizzata da Regione Liguria e UnionCamere Liguri con Slow Food Liguria, un cambiamento che ha un po’ spiazzato quegli affezionati che seguono la Focaccia di Recco nelle trasferte ai grandi eventi.

Fans che hanno però impiegato pochissimo a ritrovarla, protagonista, in “Liguria” al Pad 1, attirati quasi a colpo sicuro dalla perenne e lunga coda dinanzi allo stand Focaccia di Recco.  
Il Consorzio recchese ha avuto conferma di quanto aveva già avuto sentore: in modo del tutto autonomo, si è costituito un vero movimento di fans che seguono gli spostamenti della Focaccia di Recco e si ritrovano, persone che fino a ieri non si conoscevano, ripetutamente nelle varie trasferte instaurando un rapporto di amicizia che nasce naturale, guidati da una passione in comune: la Focaccia di Recco.
Frequentatissimi i laboratori di presentazione del prodotto in programma tutti i pomeriggi nello spazio Incontri dell’Area Liguria, applausi continui per le belle dimostrazioni dei rappresentanti del consorzio delle varie fasi della preparazione e per il coinvolgimento del pubblico presente, che con largo anticipo, prendeva posto per non perdersi i posti migliori.  

Distribuiti migliaia di depliants con le belle fotografie dei quattro comuni e con l’elenco dei produttori di Focaccia di Recco associati ed affiliati alla protezione transitoria IGP.
Un’attività di promozione, quella del Consorzio della Focaccia di Recco, che crea indotto sicuro verso i comuni interessati ed inseriti nella zona di produzione IGP, Recco, Sori, Camogli e Avegno, che ne hanno beneficio subito in termini d’immagine e in prospettiva anche commerciale.

Grandissima l’affluenza al Salone del Gusto, nonostante la crisi generale in atto Slow Food,si è dimostrata di essere più forte della depressione internazionale in generale, in grado di attirare masse di persone alle quali è stata offerta l'occasione di uscire, distrarsi e divertirsi con esperienze enogastronomiche gratificanti, prova che la voglia di riprendersi è in corso.  E la Focaccia di Recco, orgogliosa ancora una volta di esserci stata, per la sua parte, ha contribuito al conseguimento di questo grande successo.

pdf comunicato stampa

 
Dal 25 al 29 ottobre a Torino per il salone Internazionale del Gusto PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Lunedì 01 Ottobre 2012 11:48
La focaccia di Recco
al Salone Internazionale del Gusto a Torino
Dal 25 al 29 ottobre, nello stand di Regione Liguria sarà
presente la Focaccia di Recco col formaggio. Una partecipazione
che suggellerà la protezione a titolo transitorio a
livello nazionale alla denominazione “Focaccia di Recco col
formaggio” in attesa della definitiva concessione del marchio
IGP da parte della Commissione Europea.
Info Salone del Gusto: www.salonedelgusto.it

salne_internazionale_del_gusto_2012La focaccia di Recco al Salone Internazionale del Gusto a Torino

Dal 25 al 29 ottobre, nello stand di Regione Liguria sarà presente la Focaccia di Recco col formaggio.

Una partecipazione che suggellerà la protezione a titolo transitorio alivello nazionale alla denominazione “Focaccia di Recco colformaggio” in attesa della definitiva concessione del marchio IGP da parte della Commissione Europea.

Info Salone del Gusto: www.salonedelgusto.it

 
Dal 6 al 14 ottobre a Genova per il Salone Nautico Internazionale PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Lunedì 01 Ottobre 2012 11:44
La focaccia di Recco
al Salone Nautico Internazionale
di Genova
Dal 6 al 14 ottobre lo stand della Focaccia di Recco sarà
presente al 52.mo Salone Nautico di Genova nella stessa
posizione dello scorso anno:
Area di ristoro in Marina 1 - banchina C.
Info Salone Nautico: www.genoaboatshow.com

salone_nautico_2012La focaccia di Recco al Salone Nautico Internazionaledi Genova

Dal 6 al 14 ottobre lo stand della Focaccia di Recco saràpresente al 52.mo Salone Nautico di Genova nella stessa posizione dello scorso anno:

Area di ristoro in Marina 1 - banchina C.Info Salone Nautico:  www.genoaboatshow.com

 
Agricoltura in piazza
Da venerdì 21 a domenica 23 settembre 2012
AGRICOLTURA IN PIAZZA
Genova, Porto Antico
Il Consorzio Focaccia di Recco sarà a Genova, in Porto Antico all’evento organizzato da
Regione Liguria ed UnionCamere Liguri. Si tratta di una manifestazione innovativa che
propone i prodotti del territorio ed il loro utilizzo in cucina. Una vasta offerta di
appuntamenti per tutti gli appassionati gourmet con lezioni di cucina e laboratori “dal vivo”,
nello spirito che da sempre ci accompagna saremo presenti con una nostra postazione
dove prepareremo la focaccia col formaggio “in diretta”. Per maggiori informazioni Vi
invitiamo a visitare il sito http://www.mercatoditerraedimare.it/

Logonew-ConsorzioFocaccia

Da venerdì 21 a domenica 23 settembre 2012

AGRICOLTURA IN PIAZZA

agricoltura_in_piazza
Genova, Porto Antico

Il Consorzio Focaccia di Recco sarà a Genova, in Porto Antico all’evento organizzato da Regione Liguria ed UnionCamere Liguri.

Si tratta di una manifestazione innovativa che propone i prodotti del territorio ed il loro utilizzo in cucina. Una vasta offerta diappuntamenti per tutti gli appassionati gourmet con lezioni di cucina e laboratori “dal vivo”, nello spirito che da sempre ci accompagna saremo presenti con una nostra postazione dove prepareremo la focaccia col formaggio “in diretta”.

Per maggiori informazioni Vi invitiamo a visitare il sito http://www.mercatoditerraedimare.it/

 
Edizione speciale della festa della focacca di Recco PDF Stampa E-mail
MASTER PROGRAM IN FOOD CULTURE AND COMMUNICATION
RITORNA A RECCO
L’Università delle Scienze Gastronomiche di Pollenzo
LUNEDì 18 GIUGNO 2012
Dal Ristorante da O Vittorio
Il CONSORZIO DELLA FOCACCIA
In una trasferta speciale
A SAN FELICE SUL PANARO, NEL MODENESE
Sabato 28 luglio 2012

EDIZIONE SPECIALE DELLA FESTA DELLA FOCACCIA DI RECCO

Folder_San_Felice_small
Torna in piazza, sabato 28 luglio, la festa della focaccia con il formaggio di Recco, ma questa volta a San Felice sul Panaro, il centro della bassa modenese duramente colpito, insieme a tanti altri, dal sisma dell’Emilia-Romagna.

La scelta del Consorzio della focaccia con il formaggio di Recco non è stata casuale.
A San Felice sul Panaro, infatti, la Protezione Civile della Regione Liguria, subito dopo le prime scosse, ha allestito un campo con una sessantina di tende per far fronte all’emergenza terremoto.

Un gesto di solidarietà del Consorzio recchese, molto apprezzato dal comune di San Felice sul Panaro che in questi giorni sta allestendo un’area dove ospitare l’evento, ovviamente al di fuori della zona rossa che delimita la città e il suo simbolo, la Rocca Estense, antico feudo di Matilde di Canossa, andata parzialmente distrutta.


La macchina organizzativa è ormai in movimento, la focaccia con il formaggio Recco sarà preparata al momento grazie al maxi-forno e alle attrezzature che arriveranno a San Felice sul Panaro dalla nostra cittadina del Golfo Paradiso, per distribuirla gratuitamente alla cittadinanza ad iniziare dal tardo pomeriggio.


Parteciperanno, oltre agli operatori Consorziati provenienti da Recco, Sori, Camogli e Avegno, gli amministratori regionali della Regione Liguria ed Emilia, gli Amministratori Comunali di San Felice sul Panaro e di Recco, per una giornata in cui la Focaccia di Recco avrà un ruolo speciale, ambasciatrice di amicizia e di solidarietà.

 
Note Informative per la stampa
NOTE INFORMATIVE PER LA STAMPA
1 – MOTIVAZIONI DELLA RICHIESTA IGP
Il continuo ed indiscriminato appropriarsi del nome “RECCO” da parte di produttori al di fuori
della zona storica e tradizionale che offrono un prodotto scadente e non conforme alla usuale
qualità riconosciuta dal consumatore abitudinario hanno portato  un gruppo di produttori,
rappresentativi di oltre l’80% della produzione e collocati nella zona storica e tradizionale della
Focaccia di Recco, ad unirsi per  porre fine alla “usurpazione”  dell’utilizzo dell’indicazione
geografica  RECCO in riferimento alla focaccia col formaggio e darsi, nel contempo,  un
regolamento che garantisse un alto standard di qualità.
2 – IL CONSORZIO COMPOSTO DALLE ATTIVITA’ STORICHE
CHE HANNO RESO FAMOSA LA FOCACCIA DI RECCO
Al Consorzio, che rappresenta oltre l’80% della produzione, vi aderiscono tutte le aziende famose
(tra le quali spiccano ben 4 attività ultra-centenarie) che hanno creato il mito della focaccia di Recco
oltre ai produttori più conosciuti delle altre cittadine incluse nella zona di produzione.
3 – IL DISCIPLINARE: IL “REGOLAMENTO” DEI PRODUTTORI
Il disciplinare che i produttori si sono impegnati ad osservare non è altro che il regolamento sul
metodo che collegialmente loro stessi hanno voluto adottare per produrre la focaccia di Recco. Un
metodo che ha tenuto conto della preparazione storica e tradizionale, elaborato in ogni sua parte
in perfetta sintonia tra tutti gli operatori aderenti al Consorzio. Il disciplinare di produzione venne
approvato e sottoscritto,  unitamente allo statuto consortile, dalla firma congiunta di tutti gli
associati (come da atto notarile del 28 dicembre 2006 del notaio Giorgio Capetti).
4 – RISALIRE ALL’ANTICO LEGAME COL TERRITORIO
Tutto iniziò quando… la  focaccia col formaggio veniva prodotta con la formaggetta locale
(ottenuta da latte delle valli vicine) oggi l’antica formaggetta, rivisitata e riportata alla moderna
produzione casearia viene denominata Formaggio Fresco LLT (acronimo di latte ligure tracciato)
prodotto con  latte di qualità certificata da analisi del Laboratorio Regionele,  garantita nella
tracciabilità in ogni suo passaggio con un controllo che và dal pascolo sino alla tavola.
5 – LATTE LIGURE PER IL FORMAGGIO FRESCO
Così come veniva proposta in origine, tornerà ad essere. Dopo anni di test il prodotto oggi risulta
essere assolutamente idoneo ed adatto, con ovvie differenze – di pregio – dovute proprio al carattere
artigianale della produzione. Un  risultato ottenuto - e  costantemente controllato - dalla
“commissione qualità” formata da tre produttori di indubbio valore e chiara esperienza (Carbone,
Tossini, Revello)  supportati più volte dall’intervento di altri associati (Moltedo, De Ferrari,
Macchiavello, Bisso…) per  risolvere le singole problematiche sulla produzione della focaccia di
Recco. Oggi si utilizza un formaggio fresco LLT di alta qualità prodotto appositamente per la
focaccia di Recco. I  consumatori hanno accolto favorevolmente questa azione, confermato dai
grandi successi riportati dallo stesso Consorzio in occasione di eventi di grande rilievo (Salone del
Gusto, Euroflora, Artigiano in Fiera, Cheese, Squisito, Notte Bianca a Genova e tante altre) dove i
giudizi sulla qualità del prodotto sono sempre entusiastici.
6 – UN PROGETTO CHE PROMUOVE LA QUALITA’ E TUTELA IL CONSUMATORE
La filiera attuata per la  tracciabilità della materia prima caratterizzante è una delle azioni più
importanti per la richiesta di un marchio di tutela europeo, l’obiettivo finale è quello di garantire al
consumatore una specialità gastronomica d’eccellenza che rispecchi tradizione e rinomanza un
territorio. La focaccia di Recco IGP sarà un prodotto PER il territorio fatta col supporto di materie
prime DEL territorio.
7 – ENTRARE NELL’OLIMPO DEI PRODOTTI TIPICI EUROPEI
Il conseguimento dell’IGP significa un grande “salto di qualità” per la zona di produzione ed i
produttori collocati all’interno di essa, la Focaccia di Recco IGP entrerà nel ristretto novero dei 230
prodotti tipici che rappresentano il meglio del settore agroalimentare italiano nel mondo.

1– MOTIVAZIONI DELLA RICHIESTA IGP

Il continuo ed indiscriminato appropriarsi del nome “RECCO” da parte di produttori al di fuori della zona storica e tradizionale che offrono un prodotto scadente e non conforme alla usuale qualità riconosciuta dal consumatore abitudinario hanno portato  un gruppo di produttori, rappresentativi di oltre l’80% della produzione e collocati nella zona storica e tradizionale della Focaccia di Recco, ad unirsi per  porre fine alla “usurpazione”  dell’utilizzo dell’indicazione geografica  RECCO in riferimento alla focaccia col formaggio e darsi, nel contempo,  un regolamento che garantisse un alto standard di qualità.

2 – IL CONSORZIO COMPOSTO DALLE ATTIVITA’ STORICHE CHE HANNO RESO FAMOSA LA FOCACCIA DI RECCO

Al Consorzio, che rappresenta oltre l’80% della produzione, vi aderiscono tutte le aziende famose(tra le quali spiccano ben 4 attività ultra-centenarie) che hanno creato il mito della focaccia di Recco oltre ai produttori più conosciuti delle altre cittadine incluse nella zona di produzione.

3 – IL DISCIPLINARE: IL “REGOLAMENTO” DEI PRODUTTORI

Il disciplinare che i produttori si sono impegnati ad osservare non è altro che il regolamento sul metodo che collegialmente loro stessi hanno voluto adottare per produrre la focaccia di Recco. Un metodo che ha tenuto conto della preparazione storica e tradizionale, elaborato in ogni sua parte in perfetta sintonia tra tutti gli operatori aderenti al Consorzio. Il disciplinare di produzione venne approvato e sottoscritto,  unitamente allo statuto consortile, dalla firma congiunta di tutti gli associati (come da atto notarile del 28 dicembre 2006 del notaio Giorgio Capetti).

4 – RISALIRE ALL’ANTICO LEGAME COL TERRITORIO

Tutto iniziò quando… la  focaccia col formaggio veniva prodotta con la formaggetta locale(ottenuta da latte delle valli vicine) oggi l’antica formaggetta, rivisitata e riportata alla moderna produzione casearia viene denominata Formaggio Fresco LLT (acronimo di latte ligure tracciato) prodotto con  latte di qualità certificata da analisi del Laboratorio Regionele,  garantita nella tracciabilità in ogni suo passaggio con un controllo che và dal pascolo sino alla tavola.

5 – LATTE LIGURE PER IL FORMAGGIO FRESCO

Così come veniva proposta in origine, tornerà ad essere. Dopo anni di test il prodotto oggi risulta essere assolutamente idoneo ed adatto, con ovvie differenze – di pregio – dovute proprio al carattere artigianale della produzione. Un  risultato ottenuto - e  costantemente controllato - dalla “commissione qualità” formata da tre produttori di indubbio valore e chiara esperienza (Carbone, Tossini, Revello)  supportati più volte dall’intervento di altri associati (Moltedo, De Ferrari, Macchiavello, Bisso…) per  risolvere le singole problematiche sulla produzione della focaccia di Recco. Oggi si utilizza un formaggio fresco LLT di alta qualità prodotto appositamente per la focaccia di Recco. I  consumatori hanno accolto favorevolmente questa azione, confermato dai grandi successi riportati dallo stesso Consorzio in occasione di eventi di grande rilievo (Salone del Gusto, Euroflora, Artigiano in Fiera, Cheese, Squisito, Notte Bianca a Genova e tante altre) dove i giudizi sulla qualità del prodotto sono sempre entusiastici.

6 – UN PROGETTO CHE PROMUOVE LA QUALITA’ E TUTELA IL CONSUMATORE

La filiera attuata per la  tracciabilità della materia prima caratterizzante è una delle azioni più importanti per la richiesta di un marchio di tutela europeo, l’obiettivo finale è quello di garantire al consumatore una specialità gastronomica d’eccellenza che rispecchi tradizione e rinomanza un territorio. La focaccia di Recco IGP sarà un prodotto PER il territorio fatta col supporto di materie prime DEL territorio.

7 – ENTRARE NELL’OLIMPO DEI PRODOTTI TIPICI EUROPEI

Il conseguimento dell’IGP significa un grande “salto di qualità” per la zona di produzione ed i produttori collocati all’interno di essa, la Focaccia di Recco IGP entrerà nel ristretto novero dei 230 prodotti tipici che rappresentano il meglio del settore agroalimentare italiano nel mondo.

scarica il comunicato in formato PDF

 
“PRIMAVERA” in Fiera a Genova per presentare ai genovesi la sua IGP PDF Stampa E-mail

logonew-ConsorzioFocaccia

GENOVA, 24 GENNAIO 2012
Conclusa l’istruttoria ministeriale,
tra due settimane via libera a certificazione in Italia
REGIONI, ALIMENTARE ,FOCACCIA DI RECCO
DA MINISTERO OK A DISCIPLINARE IGP
BURLANDO: PRIMO ,GRANDE RISULTATO PER IL TERRITORIO
GENOVA. Il Ministero delle Politiche Agricol ha approvato il “disciplinare” della  focaccia di Recco con il formaggio per potersi fregiare dell’Igp- Indicazione geografica protetta.
Concluse  le procedure di questa fase istruttoria , tra due settimane il carteggio focaccia di Recco con il formaggio approderà a Bruxelles per la definitiva certificazione dell’Unione Europea.
Dopo il via libera al “disciplinare” che ne regola ingredienti e produzione,  contestualmente all’invio  della procedura a  Bruxelles, la focaccia col formaggio di Recco potrà fregiarsi del riconoscimento Igp su tutto il territorio nazionale.
"La certificazione IGP per la focaccia di Recco, sia pure per ora limitata al territorio nazionale, è un riconoscimento anche dei nostri sforzi a sostegno dell'iniziativa", ha dichiarato il presidente della Regione Liguria Claudio Burlando.
"Ogni vittoria in difesa della valorizzazione del nostro territorio- ha aggiunto- è una conquista per tutti i liguri che, nella peculiarità dei propri prodotti, vedono non una semplice difesa dell'identità culturale ma un mezzo per farsi conoscere e apprezzare anche al di fuori della regione".
Burlando  ringrazio l'assessore Barbagallo, gli uffici regionali “e tutti coloro - soprattutto i recchesi - che con tenacia si sono adoperati per raggiungere questo risultato".
Con il divieto assoluto per ristoranti, trattorie, supermercati, negozi e bancarelle al di fuori della zona di produzione (Recco, Sori, Camogli e Avegno) di scrivere nei menu e offrire focacce con formaggio “tipo Recco”. Pena l’intervento dell’antifrode.
Se nei successivi 180 giorni dalla la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale Europea  non interverranno contenziosi da parte dei vari Paesi , la focaccia di Recco sarà tutelata a livello europeo. Nel frattempo, proprio per combattere ogni abuso, Camera di Commercio e Consorzio Focaccia di Recco con il formaggio vareranno i piano di controlli e di tutela della focaccia.
La Regione Liguria, in questi anni ha confermato il sostegno al riconoscimento Igp, ritenendola un obiettivo strategico alla politica di valorizzazione territoriale e produttiva della Liguria, in quanto, la filiera economica di riferimento, oltre che ad interessare tutti i possibili panificatori-ristoratori dei territori interessati produttori di focaccia, coinvolge e sostiene anche i trasformatori ed i produttori di latte ligure.
Lo stesso Consiglio Regionale, nei mesi scorsi, aveva approvato all’unanimità un ordine del giorno per chiedere alla giunta regionale di farsi interprete presso il Ministero delle Politiche Agricole di un sostegno incondizionato alla riconoscimento Igp per la Focaccia di Recco con il formaggio e al disciplinare ad esso collegato.GENOVA, 2 MARZO 2012

 

“PRIMAVERA” in Fiera a Genova

per presentare ai genovesi la sua IGP

da venerdì 23 marzo a domenica 1° aprile 2012

Pad S – stand 39 G galleria

 

 

Infatti il riconoscimento all’attività di promozione e tutela svolta dal Consorzio Focaccia di Recco, è culminato quest’anno con l’ottenimento sul territorio nazionale della certificazione IGP, con decreto del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali del 13 febbraio 2012 e pubblicato sulla G.U. del 1 marzo 2012, in attesa della definita registrazione da parte della Commissione Europea.  

“La Focaccia di Recco, è entrata nell’Olimpo della produzione agroalimentare europea, diventando uno dei duecentotrenta prodotti d’eccellenza che rappresentano l’Italia nel mondo” questa è stata la dichiarazione, che per i recchesi è suonata come un grande riconoscimento, del Ministero delle Politiche Agricole e Alimentari al termine dell’atto conclusivo, chiusosi con parere positivo, presso gli uffici ministeriali con i dirigenti della Regione Liguria il 18 gennaio u.s.

“La protezione Europea ci permette finalmente di difendere questo nostro patrimonio che ormai dovunque ci stavano “rubando”, correndo il rischio di perdere le sue vere origini e tradizioni. Abbiamo raggiunto un traguardo che ci riempie d’orgoglio perché rappresenta il riconoscimento alla serietà, alla professionalità ed alle capacità di tutti coloro che hanno portato a buon fine questo immenso lavoro. La Focaccia di Recco non aveva, e non ha, bisogno di guadagnare maggior fama o una più ampia fetta di mercato, aveva solo bisogno di veder riconosciuta la sua credibilità, la sua identità e il legame alla sua zona d’origine. L’IGP le ridà quella rispettabilità che le spetta difendendola dagli ormai troppi tentativi di imitazione” dichiarano al Consorzio.

RECCO è la città della FOCACCIA COL FORMAGGIO e con i Comuni limitrofi (Sori, Avegno e Camogli) ne delimita la zona di produzione inserita nel disciplinare I.G.P. redatto e approvato dal Consorzio Focaccia, costituitosi nel 2005, per ottenere l’ ambita certificazione europea.

La storia ci dice che la focaccia col formaggio ha radici antiche in queste località, una tradizione secolare in cui capacità ed abilità dei produttori aderenti al Consorzio hanno reso rinomato questo prodotto, indissolubilmente legato al territorio ed al proprio al nome, l’indicazione geografica protetta, RECCO. Affondando il progetto nella storia, ed applicando una moderna forma di marketing del territorio, si è ripreso ad utilizzare il latte ligure prodotto dagli allevatori locali per trasformarlo in “Formaggio Fresco L.L.T.” (acronimo di Latte Ligure Tracciato), non più quindi una generica crescenza da banco, ritornando così a disporre, come all’origine, di un formaggio appositamente prodotto per la focaccia di Recco IGP, un esclusivo valore aggiunto alla qualità del prodotto certificato.

Il Consorzio della focaccia di Recco porta a Primavera in Fiera a Genova
i suoi focacciai, la sua tradizione e il suo amore per questo prodotto
che tanto ha reso famosa nel mondo la città da cui ha preso il nome.

 


Ultimo aggiornamento Lunedì 10 Settembre 2012 04:51
 
Entro la fine del mese, in attesa della certificazione definitiva UE PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Martedì 07 Febbraio 2012 00:00

liguria_news

GENOVA, 24 GENNAIO 2012
Conclusa l’istruttoria ministeriale,
tra due settimane via libera a certificazione in Italia
REGIONI, ALIMENTARE ,FOCACCIA DI RECCO
DA MINISTERO OK A DISCIPLINARE IGP
BURLANDO: PRIMO ,GRANDE RISULTATO PER IL TERRITORIO
GENOVA. Il Ministero delle Politiche Agricol ha approvato il “disciplinare” della  focaccia di Recco con il formaggio per potersi fregiare dell’Igp- Indicazione geografica protetta.
Concluse  le procedure di questa fase istruttoria , tra due settimane il carteggio focaccia di Recco con il formaggio approderà a Bruxelles per la definitiva certificazione dell’Unione Europea.
Dopo il via libera al “disciplinare” che ne regola ingredienti e produzione,  contestualmente all’invio  della procedura a  Bruxelles, la focaccia col formaggio di Recco potrà fregiarsi del riconoscimento Igp su tutto il territorio nazionale.
"La certificazione IGP per la focaccia di Recco, sia pure per ora limitata al territorio nazionale, è un riconoscimento anche dei nostri sforzi a sostegno dell'iniziativa", ha dichiarato il presidente della Regione Liguria Claudio Burlando.
"Ogni vittoria in difesa della valorizzazione del nostro territorio- ha aggiunto- è una conquista per tutti i liguri che, nella peculiarità dei propri prodotti, vedono non una semplice difesa dell'identità culturale ma un mezzo per farsi conoscere e apprezzare anche al di fuori della regione".
Burlando  ringrazio l'assessore Barbagallo, gli uffici regionali “e tutti coloro - soprattutto i recchesi - che con tenacia si sono adoperati per raggiungere questo risultato".
Con il divieto assoluto per ristoranti, trattorie, supermercati, negozi e bancarelle al di fuori della zona di produzione (Recco, Sori, Camogli e Avegno) di scrivere nei menu e offrire focacce con formaggio “tipo Recco”. Pena l’intervento dell’antifrode.
Se nei successivi 180 giorni dalla la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale Europea  non interverranno contenziosi da parte dei vari Paesi , la focaccia di Recco sarà tutelata a livello europeo. Nel frattempo, proprio per combattere ogni abuso, Camera di Commercio e Consorzio Focaccia di Recco con il formaggio vareranno i piano di controlli e di tutela della focaccia.
La Regione Liguria, in questi anni ha confermato il sostegno al riconoscimento Igp, ritenendola un obiettivo strategico alla politica di valorizzazione territoriale e produttiva della Liguria, in quanto, la filiera economica di riferimento, oltre che ad interessare tutti i possibili panificatori-ristoratori dei territori interessati produttori di focaccia, coinvolge e sostiene anche i trasformatori ed i produttori di latte ligure.
Lo stesso Consiglio Regionale, nei mesi scorsi, aveva approvato all’unanimità un ordine del giorno per chiedere alla giunta regionale di farsi interprete presso il Ministero delle Politiche Agricole di un sostegno incondizionato alla riconoscimento Igp per la Focaccia di Recco con il formaggio e al disciplinare ad esso collegato.

GENOVA, 7 FEBBRAIO 2012
Entro la fine del mese, in attesa della certificazione definitiva UE 
REGIONI,  ALIMENTARE  LIGURIA, IGP ITALIANA PER LA  FOCACCIA  DI RECCO COL FORMAGGIO

GENOVA. “Promossa” la focaccia di Recco con il formaggio , che dopo la recente approvazione del “disciplinare” che ne regola ingredienti e produzione, da parte  del Ministero delle Politiche Agricole, nelle prossime  settimane potrà fregiarsi dell’Igp- Indicazione geografica protetta sul territorio italiano. In attesa della definitiva certificazione dell’Unione Europea, a Bruxelles. In mattinata, al termine di una riunione del consiglio del Consorzio Focaccia di Recco guidato dalla presidente Maura Macchiavello, i soci hanno infatti formalmente trasmesso al Ministero delle Politiche agricole alimentari la richiesta di “protezione transitoria a livello nazionale” con l’Igp per la focaccia di Recco col formaggio”, spiega l’assessore regionale all’Agricoltura Giovanni Barbagallo. Con il marchio Igp scatterà il divieto assoluto per ristoranti, trattorie, supermercati, negozi e bancarelle al di fuori della zona di produzione (Recco, Sori, Camogli e Avegno) di scrivere nei menu e offrire focacce con formaggio “tipo Recco”. Pena l’intervento dell’antifrode. Se nei successivi 180 giorni dalla la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale Europea non interverranno contenziosi da parte dei vari Paesi , la focaccia di Recco col formaggio sarà tutelata a livello europeo. Nel frattempo, proprio per combattere ogni abuso, Camera di Commercio e Consorzio avvieranno i piani di controllo e di tutela della focaccia. La Regione Liguria, in questi anni ha confermato il sostegno al riconoscimento Igp, “ritenendola un obiettivo strategico alla politica di valorizzazione territoriale e produttiva della Liguria, in quanto, la filiera economica di riferimento, oltre che ad interessare tutti i possibili panificatori-ristoratori dei territori interessati produttori di focaccia, coinvolge e sostiene anche i trasformatori ed i produttori di latte ligure”, spiega Barbagallo.

LIGURIA NEWS | Piazza De Ferrari, 1 | 16100 Genova | tel +390105485727 | cell. 3357605659 | fax +39 0105702735


 
Conclusa l’istruttoria ministeriale PDF Stampa E-mail

liguria_news

GENOVA, 24 GENNAIO 2012
Conclusa l’istruttoria ministeriale,
tra due settimane via libera a certificazione in Italia
REGIONI, ALIMENTARE ,FOCACCIA DI RECCO
DA MINISTERO OK A DISCIPLINARE IGP
BURLANDO: PRIMO ,GRANDE RISULTATO PER IL TERRITORIO
GENOVA. Il Ministero delle Politiche Agricol ha approvato il “disciplinare” della  focaccia di Recco con il formaggio per potersi fregiare dell’Igp- Indicazione geografica protetta.
Concluse  le procedure di questa fase istruttoria , tra due settimane il carteggio focaccia di Recco con il formaggio approderà a Bruxelles per la definitiva certificazione dell’Unione Europea.
Dopo il via libera al “disciplinare” che ne regola ingredienti e produzione,  contestualmente all’invio  della procedura a  Bruxelles, la focaccia col formaggio di Recco potrà fregiarsi del riconoscimento Igp su tutto il territorio nazionale.
"La certificazione IGP per la focaccia di Recco, sia pure per ora limitata al territorio nazionale, è un riconoscimento anche dei nostri sforzi a sostegno dell'iniziativa", ha dichiarato il presidente della Regione Liguria Claudio Burlando.
"Ogni vittoria in difesa della valorizzazione del nostro territorio- ha aggiunto- è una conquista per tutti i liguri che, nella peculiarità dei propri prodotti, vedono non una semplice difesa dell'identità culturale ma un mezzo per farsi conoscere e apprezzare anche al di fuori della regione".
Burlando  ringrazio l'assessore Barbagallo, gli uffici regionali “e tutti coloro - soprattutto i recchesi - che con tenacia si sono adoperati per raggiungere questo risultato".
Con il divieto assoluto per ristoranti, trattorie, supermercati, negozi e bancarelle al di fuori della zona di produzione (Recco, Sori, Camogli e Avegno) di scrivere nei menu e offrire focacce con formaggio “tipo Recco”. Pena l’intervento dell’antifrode.
Se nei successivi 180 giorni dalla la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale Europea  non interverranno contenziosi da parte dei vari Paesi , la focaccia di Recco sarà tutelata a livello europeo. Nel frattempo, proprio per combattere ogni abuso, Camera di Commercio e Consorzio Focaccia di Recco con il formaggio vareranno i piano di controlli e di tutela della focaccia.
La Regione Liguria, in questi anni ha confermato il sostegno al riconoscimento Igp, ritenendola un obiettivo strategico alla politica di valorizzazione territoriale e produttiva della Liguria, in quanto, la filiera economica di riferimento, oltre che ad interessare tutti i possibili panificatori-ristoratori dei territori interessati produttori di focaccia, coinvolge e sostiene anche i trasformatori ed i produttori di latte ligure.
Lo stesso Consiglio Regionale, nei mesi scorsi, aveva approvato all’unanimità un ordine del giorno per chiedere alla giunta regionale di farsi interprete presso il Ministero delle Politiche Agricole di un sostegno incondizionato alla riconoscimento Igp per la Focaccia di Recco con il formaggio e al disciplinare ad esso collegato.
GENOVA, 24 GENNAIO 2012
Conclusa l’istruttoria ministeriale, tra due settimane via libera a certificazione in Italia REGIONI, ALIMENTARE ,FOCACCIA DI RECCO
DA MINISTERO OK A DISCIPLINARE IGP    BURLANDO: PRIMO ,GRANDE RISULTATO PER IL TERRITORIO

GENOVA. Il Ministero delle Politiche Agricol ha approvato il “disciplinare” della  focaccia di Recco con il formaggio per potersi fregiare dell’Igp- Indicazione geografica protetta.  Concluse  le procedure di questa fase istruttoria , tra due settimane il carteggio focaccia di Recco con il formaggio approderà a Bruxelles per la definitiva certificazione dell’Unione Europea.  Dopo il via libera al “disciplinare” che ne regola ingredienti e produzione,  contestualmente all’invio  della procedura a  Bruxelles, la focaccia col formaggio di Recco potrà fregiarsi del riconoscimento Igp su tutto il territorio nazionale.
"La certificazione IGP per la focaccia di Recco, sia pure per ora limitata al territorio nazionale, è un riconoscimento anche dei nostri sforzi a sostegno dell'iniziativa", ha dichiarato il presidente della Regione Liguria Claudio Burlando.  "Ogni vittoria in difesa della valorizzazione del nostro territorio- ha aggiunto- è una conquista per tutti i liguri che, nella peculiarità dei propri prodotti, vedono non una semplice difesa dell'identità culturale ma un mezzo per farsi conoscere e apprezzare anche al di fuori della regione".  Burlando  ringrazia l'assessore Barbagallo, gli uffici regionali “e tutti coloro - soprattutto i recchesi - che con tenacia si sono adoperati per raggiungere questo risultato".
Con il divieto assoluto per ristoranti, trattorie, supermercati, negozi e bancarelle al di fuori della zona di produzione (Recco, Sori, Camogli e Avegno) di scrivere nei menu e offrire focacce con formaggio “tipo Recco”. Pena l’intervento dell’antifrode. Se nei successivi 180 giorni dalla la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale Europea  non interverranno contenziosi da parte dei vari Paesi , la focaccia di Recco sarà tutelata a livello europeo. Nel frattempo, proprio per combattere ogni abuso, Camera di Commercio e Consorzio Focaccia di Recco con il formaggio vareranno i piano di controlli e di tutela della focaccia.  La Regione Liguria, in questi anni ha confermato il sostegno al riconoscimento Igp, ritenendola un obiettivo strategico alla politica di valorizzazione territoriale e produttiva della Liguria, in quanto, la filiera economica di riferimento, oltre che ad interessare tutti i possibili panificatori-ristoratori dei territori interessati produttori di focaccia, coinvolge e sostiene anche i trasformatori ed i produttori di latte ligure.  Lo stesso Consiglio Regionale, nei mesi scorsi, aveva approvato all’unanimità un ordine del giorno per chiedere alla giunta regionale di farsi interprete presso il Ministero delle Politiche Agricole di un sostegno incondizionato alla riconoscimento Igp per la Focaccia di Recco con il formaggio e al disciplinare ad esso collegato.

LIGURIA NEWS | Piazza De Ferrari, 1 | 16100 Genova | tel +390105485727 | cell. 3357605659 | fax +39 0105702735


 
<< Inizio < Prec. 1 2 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 2

 

Il sito usa cookies per facilitare la navigazione.

Per conoscere i cookies usati da questo sito, vi invitiamo a leggere la privacy policy.

Accetto i cookies da questo sito.